C’era una volta Tinder

C’era una volta Tinder

Grande attesa per Facebook Dating, l’app pensata da Mark Zuckerberg, diretta competitor di Tinder, nata per unire persone attraverso la creazione di un profilo Facebook “amoroso” parallelo a quello esistente. Tra i due colossi, chi avrà la meglio?

 

Non è ancora uscita in Italia, la funzionalità Facebook che permetterà agli utenti di espandere la propria “rete sentimentale”, che c’è già chi è pronto a scommettere che il colosso di Zuckemberg subisserà Tinder.

Tinder e Facebook Dating: chi avrà la meglio?

In che modo funzionerà Facebook Dating rispetto a Tinder?

 

Iniziamo col dire che si tratta di un app progettata per funzionare all’interno di Facebook. Un bel giorno, quando Facebook Dating sarà disponibile in un dato paese, l’utente maggiorenne vedrà comparire una notifica dell’app che li invita a interagire con il nuovo servizio. Sarà lui a decidere se approvare questa nuova estensione.

 

La funzione, infatti, richiederà un consenso esplicito da parte dell’utente per essere lanciata: se l’utente deciderà di non farlo, tutto rimarrà invariato. Ma, a chi non verrà la curiosità di provarlo, magari solo per una volta? Vi anticipiamo qualche semplice passaggio.

 

Dopo avere fornito il proprio consenso, viene richiesto di confermare la città in cui ci si trova, tramite il GPS dello smartphone, e di aggiungere qualche dettaglio a scelta tra: una biografia, gli studi, l’altezza, l’orientamento religioso.

 

Nulla di nuovo insomma, o quasi.

 

Le indicazioni sono opzionali e, come su Tinder e le altre app, servono per ampliare o circoscrivere in base a parametri condivisi la propria “rete sentimentale”.

 

In aggiunta a quanto detto, ci sarà la possibilità di rispondere a domande quali “cosa rende perfetta una tua giornata?”, per agevolare l’app a trovare persone con gli stessi interessi. Prima differenza con Tinder, il quale chiede all’utente solo l’età, il genere sessuale, la distanza in km che si è disposi a percorrere per incontrare la persona amata.

 

Facile no?

 

 

 

 

 

 

           

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *